Stereotipi di genere: l’influenza dei giocattoli sui bambini

Stereotipi di genere

Oggi parliamo di stereotipi di genere una cosa che sembra complicata, ma non lo è affatto! Anzi, gli stereotipi di genere accompagnano la vita di tutti noi già ben prima della nostra nascita e precisamente dal quarto mese di gravidanza della nostra mamma. Eh sì, proprio dal quarto mese: il mese della rivelazione! Sarà maschio o femmina?

Ecco cosa sono gli stereotipi di genere: qualche esempio

In breve cosa sono gli stereotipi di genere? Per capirlo è sufficiente chiedersi:

chi l’ha deciso che il maschietto gioca a “fare la guerra” e la femminuccia gioca con le bambole? - twitta questa frase! > .

Ecco, appunto… l’hanno deciso proprio gli stereotipi di genere! Da quando nuotiamo beatamente nel pancione della nostra mamma, sereni e inconsapevoli, oltre che nel liquido amniotico siamo immersi in una sorta di atmosfera intangibile che per gli psicologi è nota come stereo-tipizzazione di genere. E così prima ancora della nascita del bambino cominciamo a riempire i cassetti del fasciatoio di celeste se la cicogna ci porterà un maschietto o di rosa se arriverà una femminuccia.

Da allora e per tutta la fase della crescita (e oltre!) veniamo inevitabilmente condizionati e plasmati: ci viene detto cosa fare, dove andare, con chi andare e, cosa ancora più impensabile, ci viene suggerito come giocare! E così come nessuna zia si sognerebbe mai di regalare una bambola al proprio nipotino, allo stesso modo le macchinine non sono di certo il primo regalo che ci viene in mente di comprare se vogliamo strappare un sorriso a nostra figlia.

Quasi inconsciamente gli stereotipi di genere fanno sì che indirizziamo i nostri figli, come già i nostri genitori hanno fatto con noi, verso alcuni modi di fare o di essere che sono prettamente maschili o femminili. E il problema non riguarda solo colore dei vestiti e giocattoli… Pensateci: quando un bambino piange per i nostri rimproveri, come ci comportiamo? Normalmente, ai maschi chiediamo di smetterla, di essere forti (“i maschietti non piangono”) mentre una piccolina che piange verrà quasi sicuramente più coccolata e confortata! - twitta questa frase! > .

Insomma, più o meno senza volerlo, più o meno inconsciamente, ma ormai da secoli, teniamo in vita gli stereotipi di genere. E gli stereotipi di genere, in età adulta, influiscono in maniera determinante su aspetti quali le scelte professionali e familiari!

Prima di proseguire, per favore, dì che ti piace

Le conseguenze della scelta dei giocattoli

Ma ritorniamo alla questione giocattoli: perché le bambine non possono giocare con le macchinine? E i bambini con le bambole? Una ricerca americana si è soffermata sulle conseguenze nello sviluppo dei bambini che ha la scelta di un giocattolo piuttosto che di un altro. I risultati sono così sorprendenti che ci porteranno senza dubbio a riconsiderare i nostri stereotipi di genere la prossima volta che andremo ad acquistarne uno…

Secondo Megan Fulcher, professore associato di psicologia alla Washington and Lee University, il tipo di giocattoli che facciamo utilizzare ai nostri bambini influisce in maniera determinante sul loro sviluppo, infatti

I giocattoli più “maschili” favoriscono lo sviluppo motorio e delle abilità spaziali, mentre quelli “femminili” stimolano principalmente lo sviluppo fino-motorio, del linguaggio e le abilità sociali.

Cosa vuol dire questo? Beh, significa che quella che può sembrare una banale scelta di un giocattolo non lo è affatto; significa che non bisogna assolutamente sottovalutare l’impatto della scelta del giocattolo sull’apprendimento e gli atteggiamenti del bambino. E’ possibile, infatti, che i piccoli possano considerare non solo i vestiti e i giocattoli come tipicamente maschili o femminili ma anche i ruoli, le occupazioni o alcune caratteristiche.

Le ricerche, inoltre, dimostrano che i bambini riescono a ricordare più dettagli di un gioco appartenente al proprio genere: nel 1986, la psicologa Marilyn Bradbard ha mostrato a dei bambini dai 4 ai 9 anni sia giochi a-specifici sia giochi genere-specifici, i bambini hanno giocato per circa 6 minuti. Una settimana dopo, la ricercatrice ha notato che le bambine ricordavano più dettagli di giochi femminili e così i bambini per i giochi maschili. Questo vuol dire anche che

gli stereotipi di genere non permettono ai bambini di esplorare altre realtà, di avere più esperienze, di conoscere appieno il mondo, di scegliere quello che più li fa divertire.

E voi avete mai regalato una macchina a vostra figlia? Se no, provateci! Sicuramente le piacerà un sacco!

Che ne pensi?

Social Mamma è anche tuo, condividi le tue esperienze con noi! Cosa pensi di Stereotipi di genere: l’influenza dei giocattoli sui bambini? Scrivilo qui sotto!
Parola chiave: stereotipi di genere