Mio figlio non parla ancora: ecco cosa fare!

mio figlio non parla ancora: ecco cosa fare

Mio figlio non parla ancora, quante volte sentiamo mamme e papà preoccupati dal fatto che a due anni il loro bambino stenta a parlare! Eh sì, perché dopo il camminare la seconda tappa che attende i nostri bambini è parlare… che bello quando per la prima volta li sentiamo dire mamma o quando iniziano a farci capire cosa vogliono.

Ma quando si inizia a parlare? Quando devo preoccuparmi perché “mio figlio non parla ancora”? Innanzitutto chiariamo una cosa:

Ogni bambino ha i suoi tempi: il linguaggio non appare in tutti i bambini allo stesso modo e nella stessa fase di vita. Di solito le prime parole compaiono tra i 9 e i 13 mesi, ma questo non significa che se il bambino non parla entro un anno e mezzo ci sono necessariamente problemi di ritardo.

Cosa posso fare se mio figlio non parla a 2 anni?

Cosa possiamo fare noi genitori? Stimolare il più possibile la fuoriuscita del vocale! Ma, come? Ecco 3 semplici regole che puoi auto importi per aiutare tuo figlio a parlare.

1) Devo nominare le cose quando gliele porgo

Se ho capito che mio figlio vuole l’acqua, quando gli tendo la bottiglia sarà bene che io dica “acqua”. A poco a poco il mio bambino imparerà ad associare il nome all’oggetto e a chiedermelo quando ne sentirà il bisogno.

2) Non devo lasciare tutto alla sua portata

Se mio figlio non parla, potrebbe essere perché non ne sente l’esigenza. Se il mio bambino dispone già di tutto ciò di cui ha bisogno, difficilmente potrà venirmi a chiedere qualcosa e sforzarsi, quindi, di parlare. Devo fare in modo di metterlo in una situazione in cui sia portato a chiedere, questo aiuterà ad innalzare il suo livello di motivazione e quindi lo porterà a fare più richieste.

3) Devo favorire le interazioni con gli altri bambini

I bambini apprendono molto sul modello dei compagni, questo vale sia per le attività manipolative ma anche per il linguaggio. Quanto più mio figlio interagirà con altri bambini, tanto prima imparerà a relazionarsi e avrà così tante occasioni di ascoltare e parlare.

Prima di proseguire, per favore, dì che ti piace

In ogni caso, se siete fortemente in dubbio e pensate che ci sia qualcosa che non va, parlatene con il pediatra e approfondite meglio la situazione con l’aiuto di un neuropsichiatra infantile.

Che ne pensi?

Social Mamma è anche tuo, condividi le tue esperienze con noi! Cosa pensi di Mio figlio non parla ancora: ecco cosa fare!? Scrivilo qui sotto!
Parola chiave: mio figlio non parla