I bambini e lo sport: 3 aspetti da gestire

I bambini e lo sport: 3 aspetti da gestire

E’ fuor di dubbio che lo sport faccia bene alla salute… aiuta a rigenerare corpo e anima e per i nostri bambini rappresenta una fonte inesauribile di divertimento!

Correre, pedalare, nuotare sono tutte attività a cui nessun bambino rinuncerebbe ma lo sport porta con sé un bagaglio di valori che allena i nostri piccoli ad affrontare la vita - twitta questa frase! > : saper affrontare le difficoltà, avere senso di responsabilità, porsi dei traguardi sfidanti, sapersi rialzare e riprovare

I bambini e lo sport: modelli positivi e 3 aspetti critici da gestire

Insomma lo sport è una scuola di vita ma se da un lato ci offre tanti modelli positivi non mancano anche i messaggi negativi che più o meno consapevolmente gli adulti trasmettono attraverso lo sport. Sport infatti è anche sinonimo di:

Prima di proseguire, per favore, dì che ti piace

1) Agonismo – la corsa a “chi arriva primo”, la ricerca del più forte, del migliore. Spesso lo sport attiva una competizione continua che potrebbe non limitarsi al momento della gara ma riversarsi nei rapporti di amicizia, nelle relazioni scolastiche, in una competizione tra i genitori prima ancora che tra i bambini. La competizione deve essere sana: deve porsi come obiettivo quello di migliorare se stessi, non quello di creare un’immagine di noi o dei nostri figli come persone spietate e senza scrupoli disposte a far di tutto per calpestare i piedi agli altri.

2) Aggressività – una competizione esagerata infatti genera aggressività, frustrazione, stati d’animo negativi e il bambino potrebbe anche vivere il classico fenomeno dell'”impotenza appresa” puntualizzato da Seligman: dopo anche pochi fallimenti crea un immagine di sé negativa, incapace di intervenire sul proprio destino e rinuncia a sperimentarsi in futuro;

3) Imitazione di modelli negativi – l’esempio più recente ci viene dall’ultima partita dei mondiali che ha visto l’eliminazione dell’Italia: il morso di Luis Suárez al nostro Chiellini. I giornali ci dicono che il calciatore uruguayano è un habitué di queste performance e oggi è seguito da uno psicologo. Ma cosa ci preme sottolineare di questo spiacevole episodio? Guardate un po’ la nostra foto… un bambino, tifoso dell’Uruguay, truccato da Dracula:

I bambini e lo sport: 3 aspetti da gestire

Questo bambino è quasi in ammirazione del suo paladino della giustizia… disposto a fare qualunque cosa pur di accaparrarsi quella palla. Quale insegnamento può trarre quel bambino in quel momento? Non possiamo trasmettere l’idea che il campo da gioco sia un campo di battaglia, non possiamo insegnare ai nostri figli che vincere è l’unica cosa che conta - twitta questa frase! > . Ci sono altre parole magiche che ruotano intorno allo sport: fair play, solidarietà, gioco di squadra. Abbiamo il compito di costruire una società più sana non solo dal punto di vista fisico ma soprattutto a partire dai valori che noi adulti trasmettiamo e che un giorno potrebbero ritornare utili anche ai nostri figli.

D’altronde se ci pensiamo un attimo:

Non è tanto dell’aiuto degli amici che noi abbiamo bisogno, quanto della fiducia che al bisogno ce ne potremo servire”. (Epicuro)

Che ne pensi?

Social Mamma è anche tuo, condividi le tue esperienze con noi! Cosa pensi di I bambini e lo sport: 3 aspetti da gestire? Scrivilo qui sotto!
Parola chiave: i bambini e lo sport