Disturbi alimentari in adolescenti e bambini: i campanelli d’allarme

disturbi alimentari

Per la prima volta parliamo di disturbi alimentari, un tema molto diffuso tra gli adolescenti e, purtroppo, anche tra i bambini in età scolare. Anche se i disturbi alimentari sono spesso associati all’adolescenza, vi assicuro che non è infrequente trovare bambine di 8 o 9 anni di età che li manifestano.

Prima di proseguire, per favore, dì che ti piace

Cosa sono i disturbi alimentari?

In primo luogo, facciamo un po’ di chiarezza… di cosa parliamo esattamente? Cosa sono esattamente i disturbi alimentari?

Secondo il  DSM-5 per parlare di disturbi alimentari (o “disturbi della nutrizione e dell’alimentazione” o “disturbi del comportamento alimentare – DCA”) occorre che si verifichi:

un persistente disturbo dell’alimentazione o di comportamenti collegati con l’alimentazione che determinano un alterato consumo o assorbimento di cibo e che danneggiano significativamente la salute fisica o il funzionamento psicosociale.

I DCA possono essere di quattro tipi:

  • Anoressia nervosa – è un disturbo alimentare che consiste in un eccessivo timore di aumentare il proprio peso corporeo dal quale deriva in assunzione di cibo inferiore ai propri bisogni è un consistente calo di peso. Sono presenti, inoltre, condotte tese all’eliminazione del cibo ingerito. Più in generale si assiste a una percezione distorta del proprio corpo.
  • Bulimia nervosa – è un disturbo alimentare caratterizzato da abbuffate reiterate con conseguente messa in atto di modalità di controllo del proprio peso tramite, ad esempio, eliminazione di cibo autoindotta, attività fisica eccessiva o digiuno. Le abbuffate spesso sono associate a episodi emotivi particolarmente intensi, accompagnati da sensazioni di solitudine, ma anche rabbia e nervosismo.
  • Disturbo da Alimentazione Incontrollata (o Binge Eating Disorder – BED) – è un disturbo alimentare caratterizzato da episodi ricorrenti di alimentazione incontrollata che portano a mangiare eccessivamente, più di quanto occorre, per un periodo di tempo prolungato e dalla percezione di perdita del controllo rispetto alla quantità e alla velocità di cibo ingerito.
  • Disturbi Alimentari Non Altrimenti Specificati (NAS) – include quei disturbi che non soddisfano i criteri di uno specifico disturbo dell’alimentazione. Sono compresi tutte le situazioni di esordio.

Quali sono i campanelli d’allarme ai quali dobbiamo prestare attenzione?

Ma quali sono i campanelli d’allarme che possono aiutare i genitori ad intervenire in maniera tempestiva per aiutare i loro figli adolescenti (o addirittura pre-adolescenti)?

Ogni disturbo alimentare ha dei personali campanelli d’allarme che vedremo nei prossimi articoli, tuttavia in maniera generale non sottovalutate questi segnali:

  1. Eccessiva attenzione per il cibo – a pranzo si è portati a controllare ogni singolo alimento presente in tavola e si inventano scuse per evitarne l’assunzione.
  2. Esagerata attività fisica – l’attività fisica viene usata per compensare l’assunzione di cibo e le eventuali abbuffate.
  3. Tempi prolungati trascorsi in bagno – la ragazza (o il ragazzo) si chiude spesso in bagno per tempi piuttosto prolungati, soprattutto dopo pranzo, nell’intenzione di auto-indursi il vomito.
  4. Bruschi cambiamenti d’umore – si diventa facilmente suscettibili in quanto preda di una serie di vissuti emotivi (orgoglio, senso di colpa, rabbia, ansia)
  5. Stanchezza eccessiva – l’alimentazione irregolare (e quindi il mancato apporto di fabbisogno energetico) rende le persone con DCA particolarmente affaticate e pigre tanto da non avere voglia di alzarsi o uscire.

Prestiamo attenzione a questi piccoli campanelli d’allarme nei nostri figli anche se va da sé che l’istinto di genitore permette di rendersi conto in maniera abbastanza prematura che c’è qualcosa che non va.

Prossimamente approfondiremo meglio questa tematica, così diffusa e complessa! – fonte psicopatologiaalimentazione.it

Che ne pensi?

Social Mamma è anche tuo, condividi le tue esperienze con noi! Cosa pensi di Disturbi alimentari in adolescenti e bambini: i campanelli d’allarme? Scrivilo qui sotto!
Parola chiave: disturbi alimentari