Bambini vivaci: perché i bambini non stanno mai fermi?

bambini vivaci

Avanti e indietro, su e giù, a destra e sinistra come delle schegge impazzite… sono davvero instancabili i nostri bambini e ci viene naturale dire: “Possibile che non stai mai fermo”? Va da sé che sono bambini e che per loro natura sono vivaci, sono portati a curiosare, esplorare, entusiasmarsi anche per le piccole cose. Ma certe volte non possiamo proprio fare a meno di irritarci con loro.

Ma perché i bambini sono così vivaci?

  1. può essere una questione caratteriale – qualche bambino è più vivace di qualche altro, l’estroversione è  un tratto di personalità così come l’introversione e proprio in quanto tratto rappresenta una caratteristica stabile dell’individuo che difficilmente sarà possibile modificare.
  2. il bambino può essere agitato per un motivo in particolare – può essere capitato qualche episodio che ha reso il bambino particolarmente nervoso e più agitato rispetto al suo normale modo di essere. Alle volte possiamo anche sottovalutare l’entità di alcuni episodi che invece per i bambini hanno una certa rilevanza.
  3. è  un’esplicita richiesta di attenzione – vi capita mai che quando andate in casa di amici che hanno dei figli, appena entrate i bambini iniziano a saltare, arrampicarsi, alzare il tono della voce? In quel caso, più o meno consciamente, essi mettono in un atto una serie di strategie atte a richiamare l’attenzione degli adulti che sono venuti a trovarli a maggior ragione se i visitatori portano a distogliere l’attenzione dei genitori nei loro confronti.
  4. forse non riusciamo a stimolarlo in modo adeguato – siamo sicuri che i giochi che compriamo, le attività che gli chiediamo di fare sono alla sua altezza? Forse sono sempre gli stessi giochi o forse sono troppo difficili per lui…
Prima di proseguire, per favore, dì che ti piace

Nel prossimo articolo capiremo come affrontare l’irrequietezza motoria, e come comportarsi in ogni singola situazione.

Bambini vivaci: ecco cosa possiamo fare

  1. questione caratteriale – quando l’irrequietezza fa parte proprio di un aspetto caratteriale, non c’è molto da fare perché il bambino ha evidentemente un tratto di personalità tendente all’estroversione. Certo è che il messaggio che dovrebbe passare è che non sempre, e non in tutti i luoghi, è possibile dare sfogo a questo modo di essere. C’è modo e modo insomma di essere estroversi!
  2. il bambino può essere agitato per un motivo in particolare – Ma cosa succede se la sua frenesia è, invece, legata ad un periodo in particolare? Innanzitutto riflettiamo… siamo in grado di individuare cosa effettivamente rende agitato il nostro bambino? Alle volte ci sfuggono dei particolari che riteniamo insignificanti e che invece sono la chiave di tutto. Cerchiamo di capire cosa turba il bambino, quali emozioni sta vivendo - twitta questa frase! >  e, se è possibile, aiutiamolo a tranquillizzarsi.  Se ci rendiamo conto di non essere i migliori confidenti per lui, possiamo cedere il nostro ruolo ad altri. Alla fine l’importante è che il bambino sia sereno.
  3. richiesta di attenzione – E quando i nostri figli si agitano perché vogliono richiamare la nostra attenzione? Ignoriamoli e soprattutto non premiamoli mai! Se così facessimo, sarebbe un po’ come far apprendere loro un modo inadeguato di attirare la nostra attenzione. Meglio non dare loro retta e vedrete che a poco a poco si placheranno.
  4. stimoli non adeguati – Infine c’è da chiedersi… sono adeguati gli stimoli che forniamo ai nostri figli? Siamo in grado di indirizzarli verso giochi che davvero stimolano la loro creatività e la loro motivazione? O è più facile, e qui lancio una piccola provocazione, affidarli ai tanto amati tablet e videogiochi?

Concludiamo anche oggi con un simpatico aforisma:

I fanciulli sono continuamente ebbri: ebbri di vivere. [Paul-Jean Toulet]

 

Che ne pensi?

Social Mamma è anche tuo, condividi le tue esperienze con noi! Cosa pensi di Bambini vivaci: perché i bambini non stanno mai fermi?? Scrivilo qui sotto!
Parola chiave: Bambini vivaci