Bambini che non danno retta: ecco le cause

Bambini che non danno retta

Stiamo passeggiando per il centro città e vediamo nostro figlio allontanarsi sempre di più da noi fino a essere costretti a rincorrergli dietro: il nostro “Vieni qua!”, sebbene con tono convinto e deciso, non ha nessun effetto. A quanti di voi è capitata una cosa simile? Spesso i genitori dicono “mio figlio non mi dà proprio retta! - twitta questa frase! > ”, come mai? Anche in questo caso bisognerebbe farsi un po’ di domande e andare ad analizzare la situazione.

Autonomia, legami di attaccamento e autorevolezza dei genitori

La prima cosa che salta all’occhio, purtroppo alle volte quasi come un vanto, è questa: mio figlio è molto autonomo. In effetti è vero, un bambino con alti livelli di autonomia non ha timore nell’esplorare l’ambiente circostante - twitta questa frase! >  perché penserà di sapere sempre come cavarsela in ogni situazione o comunque escogiterà le soluzioni più efficaci (ma non è detto che sempre ci riesca!).

Ancora una volta poi, ormai come un motivo ricorrente, tornano ad affacciarsi i legami di attaccamento: molto probabilmente un bambino con uno stile di attaccamento “insicuro-evitante” (ne abbiamo parlato qui »)

esplora l’ambiente ignorando la madre, non è per nulla turbato se non la vede, né richiede il suo contatto quando la ritrova (Ainsworth).

Non possiamo poi tralasciare il peso dell’autorità che i genitori esercitano sul bambino e che tra l’altro è strettamente collegato anche agli altri due aspetti appena citati.

Prima di proseguire, per favore, dì che ti piace

I bambini che non danno retta perché possono farlo

Come il bambino è giunto a questo alto livello di autonomia? Come si è generato questo stile di attaccamento? Il bambino percepisce l’autorità, o meglio l’autorevolezza, dei propri genitori? Può anche essere infatti che il bambino si sia quasi abituato a “non dar retta” a nessuno perché ha semplicemente appreso che può farlo, che in molte situazioni l’ha fatto e il suo comportamento non è stato seguito da alcun rimprovero.

Imparare a “dar retta” è di fondamentale importanza non solo per prevenire situazioni pericolose ma soprattutto per non rinunciare ad essere un importante punto di riferimento per i nostri bambini che spesso hanno bisogno di sentire il controllo dei propri genitori.

D’altronde riprendendo il senso di questa locuzione scopriamo una cosa davvero interessante: “dar retta” deriva dal latino dare arrectam (sottinteso aurem) = dare aurem – prestare orecchio. E’ un po’ come se dicessimo ai nostri figli: “ascoltami e fa quello che ti dico”. Fosse facile!

Per comandare bisogna riuscire a trovare chi è disposto a ubbidire, Alessandro Morandotti.

Buona ricerca 🙂

Che ne pensi?

Social Mamma è anche tuo, condividi le tue esperienze con noi! Cosa pensi di Bambini che non danno retta: ecco le cause? Scrivilo qui sotto!
Parola chiave: bambini che non danno retta